Tutorial: come realizzare degli ombrellini da cocktail fai da te

ombrellini da cocktail fai da te

Se preparare un cocktail non è proprio una delle vostre specialità, provate ad aggiungere un ombrellino di carta nel bicchiere e vedrete che farete comunque un gran bel figurone!!  Ma attenzione, non intendo gli ombrellini mingherlini che siamo abituati a comprare al supermercato, io parlo di un certo tipo di ombrellini da cocktail, belli, colorati, estivi, decorativi e persino pieni di semini neri! E già, in questo video tutorial vi insegnerò a realizzare degli ombrellini da cocktail fai da te che ricordano un dolcissima fetta di anguria. Degli ombrellini di carta da utilizzare per decorare bibite, granite fatte in casa, smoothie super vitaminici e anche per decorare torte e tavole a tema. Realizzarli è più semplice di quel che sembra, scopritelo voi stessi, cliccate il video che vedete qui sotto, seguite i vari passaggi e provate anche voi a realizzare degli originalissimi ombrellini da cocktail fai da te!

Per non perdere i prossimi video tutorial, non dimenticate di iscrivervi alla mia pagina youtube, è semplicissimo!

ombrellini da cocktail fai da te tutorial la figurina

Ritagliate due cerci di cartoncino colorato, uno leggermente più piccolo dell’altro. Sovrapponeteli e fissateli con la colla. Piegate il disco di carta per quattro volte, così come vi mostro nel video tutorial. Completate incollando i semini neri, precedentemente ritagliati dal cartoncino nero. Inserite l’ombrellino da cocktail fai da te nel bastoncino e bloccatelo con due strisce di cartoncino, arrotolate e fissate con la colla a caldo.

ombrellini da cocktail fai da te anguria

Ed ora, ecco la mia postazione mentre organizzo il prossimo party estivo in piscina… Dunque vediamo… il drink super vitaminico c’è, l’ombrellino da cocktail fai da te adesso c’è, i costumini da mare ci sono (e pure tanti), l’ombrellone anche… Adesso scelgo un po’ di bella musica e poi, e poi mancate solo voi per festeggiare insieme questa estate stramba!!

- scritto da Edda Gagliardi

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Condividi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Oppure commenta con il tuo account Facebook