Tutorial: Come realizzare delle ananas decorative con le pigne

ananas decorative la figurina

Un tutorial che ha come protagonista una pigna? Ma sicuro? Siamo in estate, non in autunno e nemmeno in inverno…. Oh si si, lo so… e non ho nessuna voglia e intenzione di tornare indietro, ne ho abbastanza del freddo gelido, della pioggia e del cielo grigio dell’inverno! Ho voglia d’estate, del sole, del mare salato, delle feste sulla spiaggia e di pranzi all’aria aperta… Ma allora le pigne, a cosa serviranno? Vi starete chiedendo! Miei cari lettori, dovete sapere che con le pigne si può far tutto, anche delle bellissime ananas decorative, che a guardarle bene sembrano vere! Realizzarle è incredibilmente semplice ed è divertente utilizzarle per decorare le piante sul balcone. Provate anche ad allestire in veranda o sul balcone, un coloratissimo angolo relax in stile esotico e vi sembrerà di essere sempre in vacanza!! Un tutorial divertente da realizzare in compagnia dei vostri bimbi. Per vedere come fare per creare delle ananas decorative con le pigne, cliccate il video che vedete qui sotto e… buona visione!!

Per non perdere i prossimi video tutorial, non dimenticare di iscriverti alla mia pagina youtube, è semplicissimo!

ananas decorative tutorial lafigurina

Con il colore acrilico giallo dipingete le punte della pigna e fate asciugare. Ritagliate una striscia dal cartoncino verde e tagliate a zig zag, Modellate le punte di ogni striscia, arrotolate e incollatele sulla punta della pigna. Fissate infine un cordoncino con la colla a caldo che vi permetterà di appenderla dove più vi piace!!

ananas decorative con pigne

Mi raccomando, appena potete, uscite a raccogliere le pigne, andranno benissimo tutte le dimensioni, io le ananas decorative più grandi le ho appese ai rametti delle piante più voluminose che ho in veranda. Le ananas decorative sono belline anche per decorare la tavola dell’estate. Raccogliete le pigne di media grandezza, dipingetele e utilizzatele come segna posto naturale e super colorato!

 

- scritto da Edda Gagliardi

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Condividi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Oppure commenta con il tuo account Facebook