Come e quando essiccare la lavanda

essiccare la lavanda

E anche quest’anno non ci son riuscita! Sono anni che tento di fare un piccolo viaggetto in Provenza e per mille motivi mi sfugge di mano come una saponetta che profuma di lavanda!! Eppure c’è un anno intero per programmare un viaggio, ma non è così, perchè oltre ai paesaggi straordinari della Provenza c’è la lavanda che fiorisce solo d’estate e si raccoglie alla fine del mese di luglio!!! Vorrà dire che continuerò a sognare ad occhi aperti quei campi meravigliosi, quelle immense distese di lavanda, profumatissima, sognerò ancora di correre per decine di metri, da una punta all’altra dei campi, felice come una bambina! E l’indomani prenderò un cestino e raccoglierò i fiori di lavanda sin dalle prime ore del mattino…

essiccare la lavanda campo

e mentre il sole si addormenta pian piano scomparendo tra i campi in fiore, già saprò cosa fare dei miei mazzolini di lavanda, dunque, per prima cosa realizzerò una bella ghirlanda grande legando dei piccoli mazzettini sui bordi sino a ricoprire completamente la struttura della ghirlanda. E con un bel nastrino abbinato la legherò su una parete della casa lasciando che pian piano i fiori si secchino. Sarebbe carino anche realizzare delle piccole ghirlande da appendere alle maniglie o agli armadi, così facendo il suo profumo si diffonderà in ogni stanza!

essiccare la lavanda ghirlanda

Mi piacerebbe anche provare a realizzare queste spighe di lavanda con fiocco, anche se a me ricordano le clavette che utilizzavo quando ero piccola, in alcune coreografie di ginnastica ritmica!! Ho trovato questo piccolo tutorial fotografico sul web e non sembra molto complicato da realizzare, che dite? Un’idea simpatica per realizzare degli originali bouquet di lavanda da utilizzare anche come idea regalo!

essiccare la lavanda cestino

In realtà c’è un metodo ben preciso per essiccare i fiori di lavanda. Bisogna raccogliere le spighe di mattina, accertatevi che non abbia piovuto per almeno un paio di giorni perchè i fiori devono essere asciutti non umidi. Legate le vostre spighe di lavanda, appendetele a testa in giù in un luogo asciutto e ombroso, in questo modo gli steli non si piegheranno.

essiccare la lavanda mazzolino

E poi ho anche scoperto che per conservare nel tempo questo bel fiore e mantenere vivo il colore, bisogna raccoglierli appena prima che il fiorellini si schiudano e procedere come vi ho appena descritto.Quando saranno secchi, quindi dopo pochi giorni, potete decidere se utilizzare solo i fiori che dovrete staccare passando le dita sulla spiga. In questo modo ricaverete i fiori di lavanda da inserire nei sacchettini e conservare nei cassetti, oppure da utilizzare per realizzare candele alla lavanda, bevande e oli profumati, intanto ecco la ricetta per preparare lo zucchero alla lavanda da utilizzare nelle preparazione di dolci particolari.

essiccare la lavanda cestino

Se invece avete bisogno delle spighe intere di lavanda essiccata, bisogna dedicare un pò di tempo in più, perchè dovrete chiudere il mazzettino di fiori dentro un sacchetto di carta, tipo il sacchetto del pane e dopo qualche giorno saranno pronti per essere utilizzati.

essiccare la lavanda barattolino

E adesso arriva il bello, perchè i mazzolini di lavanda essiccata sono così romantici e profumati che diventa impossibile scegliere cosa fare e cosa non realizzare…  dalle composizioni di fiori di lavanda da utilizzare come centro tavola, cornici, barattoli e cestini da abbellire con piccoli e profumatissimi mazzolini di fiori, segnaposto per un pranzo a tema, oppure realizzare dei quadretti in stile shabby da appendere in punti strategici,

essiccare la lavanda bouquet

il fiore della lavanda può essere utilizzato per decorare delle torte, dei piatti particolari e… più ci penso e più mi vengono piccole ideuzze da realizzare… e giuro che l’estate prossima quando finalmente (speriamo) andrò in Provenza rientrerò a casa non in aereo ma con un bel camioncino pieno zeppo di fiori di lavanda che avrò raccolto… che bello, non vedo l’ora!!

essiccare la lavanda pianta

Intanto mi consolo con la mia piccola piantina di lavanda sul terrazzo che mi fa compagnia nelle mie pause caffè, che ascolta i miei pensieri, i miei sogni confusi e disordinati, che mi regala profumi delicati e minuscoli fiori… mia bella piantina devo parlarti, ti va di prendere un caffè con me?

 

- scritto da Edda Gagliardi

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Condividi


5 pensieri su “Come e quando essiccare la lavanda

  1. gabriella montagnini

    Condivido il piacere di conservare la meraviglia della natura nei suoi profumi e colori e ringrazio per i consigli , ne farò uso. Grazie

    Replica
  2. carla

    grazie per il tuo bell’articolo sulla lavanda,anch’io la adoro … ne ho un’aiuola quasi piena!!!
    Proverò al più presto la ricetta dello zucchero
    grazie ancora e a presto
    Carla

    Replica
    1. La Figurina Autore articolo

      Che meraviglia, si sentirà un buonissimo profumo di lavanda nel tuo giardino! Potresti fare tantissime cosine sai? Lo zucchero alla lavanda è un buon inizio! Grazie mille a te Carla e buona giornata!

  3. Pingback: Come fare il pot-pourri in casa, varie tecniche di essiccazione - La Figurina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Oppure commenta con il tuo account Facebook