Rose inglesi e la loro incantevole storia

rose inglesi

Mi piace annusarli, osservarli, ammirarli da vicino e regalarli. Amo i fiori a tal punto da riprodurli con la carta, petalo dopo petalo, vederli nascere tra le mie mani è sempre un’emozione meravigliosa! Ogni varietà di fiore è speciale, ogni fiore, grande o piccolo che sia, è pura bellezza per gli occhi e per il cuore. Li amo tutti indistintamente, ma devo ammettere che ho un debole per alcune tipologie, le rose inglesi, protagoniste di questo articolo, sono in cima all’elenco dei miei fiori preferiti! Le conoscete? Avete mai sentito parlare delle Austin roses? Non si tratta di comuni rose da giardino, sono molto di più. Le Austin roses prendono il nome dell’ibridatore inglese che le inventò. Vi racconto la loro storia, vale la pena conoscere ogni dettaglio di queste creature meravigliose, non credete? Tutto ebbe inizio negli anni ’60, quando David Austin appassionato da sempre dalle rose antiche, intuì qualcosa di prezioso in questi fiori e così, decise di dedicarsi completamente alla creazione di nuove varietà di rose: le rose inglesi.

rose inglesi giardino

Le rose inglesi sono straordinariamente incantevoli, tra i loro petali custodiscono qualcosa di magico e raffinato, si tratta di fiori molto preziosi e decorativi, ancora oggi molto richiesti e di grande successo!

rose inglesi rosa

David Austin è sempre stato un vero amante delle rose e grazie a i suoi studi e alle sue ricerche, è riuscito ad inventare una varietà di rose con delle caratteristiche uniche, che ogni appassionato di fiori desidererebbe avere! Le rose inglesi infatti hanno una forma particolare, sono molto grandi,  ricordano la sagoma di una coppa e ogni fiore è composto da tantissimi petali. Sono dei fiori profumatissimi, le fragranze sono infinite, ricordano il profumo del miele, della frutta, del muschio, dell’incenso, della mirra, del cedro… incredibile!

rose inglesi cottage

Sono rifiorenti, una caratteristica interessantissima che le altre varietà di fiori non hanno. Le rose in genere fioriscono nel mese di maggio, le rose inglesi invece fioriscono per tutta la bella stagione, dalla primavera all’autunno, assicurando quindi per un lungo periodo, una bella macchia di colore in giardino. Non ci crederete ma sono anche delle rose molto resistenti, anche se a guardare la delicatezza dei petali di ogni fiore, sembrerebbe il contrario!

rose inglesi fiori

Credo siano le rose più belle al mondo, non credete? David Austin non ha tralasciato nessun dettaglio. Durante le sue ricerche in laboratorio, ha pensato bene di ideare anche delle varietà di rose inglesi ideali per vivere anche in un clima piuttosto secco e asciutto. Quindi ognuno di noi potrebbe pensare di piantare in giardino una bella pianta di rose inglesi, senza temere che possano appassire.

rose inglesi puglia

Qui in Puglia mi è capitato più di una volta di intravedere delle piante di rose inglesi e alla fine sono riuscita anche a fotografarne uno.

rose inglesi alberobello

Alberobello, celebre per le antiche abitazioni in pietra, i famosi trulli bianchi dai tetti conici, un paesino incantevole che vi consiglio di visitare. E su uno di essi come vedete, crescono felici delle piantine di rose inglesi, che ravvivano l’ingresso in pietra di queste antiche costruzioni.

rose inglesi bouquet

Dei fiori talmente eleganti e raffinati come le rose inglesi, non possono non far parte del mondo del wedding! Rubano spesso la scena alle tanto amate e care (sotto ogni aspetto!) peonie. Le Austin roses sono ormai sempre più presenti nei bouquet delle spose, nelle acconciature, tra le decorazioni floreali dei tavoli… Beh David Austin, l’ibridatore inglese più famoso al mondo ci aveva davvero visto lungo!!

rose inglesi wedding

Io però le rose inglesi preferisco ammirarle sulle pareti di un vecchio cottage inglese, circondato dal suo bel giardino fiorito e profumatissimo, è lì che le immagino quando chiudo gli occhi e sogno… loro sono sempre lì!

- scritto da Edda Gagliardi

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Condividi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Oppure commenta con il tuo account Facebook