Tiramisù ricetta tradizionale, per una quasi domenica in famiglia

tiramisù ricetta classica

Per me e per la mia famiglia, non è estate se non c’è il tiramisù! Non so quando tutto sia cominciato e nemmeno come sia potuto accadere… o forse si, fatto sta che ormai, il tiramisù è una tradizione! Credo di essere io l’unica artefice involontaria, di una tradizione da mille calorie all’aroma di caffè. In estate la domenica del sud è quasi sempre quel giorno che non ha tempo e nemmeno stagioni, è quel giorno in cui l’odore forte del ragù si mescola al profumo del caffè… è il giorno dedicato ai fornelli, il frigo si riempie e pure i tegami e le pentole… Si cucina per un esercito, anche se spesso a tavola la domenica, c’è una famiglia di quattro persone! Le mie domeniche del sud non sono state sempre così “tradizionali”, strano, ma se ci penso provo dispiacere! Forse sarà per questo che inconsciamente, ho inventato una tradizione tutta mia. Sin da bambina adoravo dedicare un’oretta della mia domenica, alla preparazione di dolci nuovi, o classici, i preferiti da mio fratello o quelli che seguono le stagioni. E così, ogni domenica c’era, c’è e ci sarà sempre un dolce da sfornare e sicuramente in estate, un tiramisù da dividere, un tiramisù da “allineare col cucchiaino”! Dai, non mi dite che voi non avete mai rubato sotto gli occhi di tutti i commensali, due cucchiaiate di tiramisù, con la scusa di sistemare il bordo così terribilmente frastagliato? No, non ci credo!!

tiramisù ingredienti la figurina

INGREDIENTI:

  • 500 g di mascarpone
  • 3 uova
  • 6 cucchiai di zucchero
  • caffè qb
  • 1 confezione di savoiardi
  • cacao amaro in polvere

PROCEDIMENTO:

In una terrina lavorate con le fruste elettriche per un paio di minuti, i tuorli con lo zucchero e mezza tazzina di caffè tiepido. Aggiungete pian piano il mascarpone e amalgamate. E infine incorporate le chiare montate a neve ferma, che renderanno il composto più spumoso. Lavorate la crema al mascarpone con un cucchiaio di legno, per non smontare le chiare. Prendete una pirofila rettangolare e disponete uno strato di savoiardi ben inzuppati di caffè e ricoprite con uno strato di crema al mascarpone. Solitamente il mio tiramisù è composto da due strati di savoiardi, mi piace che la quantità di crema al mascarpone prevalga, ma è solo questione di gusti. Ricoprite la superficie con il cacao amaro e lasciate riposare in frigo per almeno quattro ore (io solitamente preparo il tiramisù di sera e lo lascio riposare in frigo per tutta la notte!).

tiramisù al caffè

Ma per i veri amanti del tiramisù classico ma non troppo, consiglio di sostituire i savoiardi con i pavesini e in questo caso, suggerisco vivamente di non farlo quando siete sole in casa, rischiereste di mangiarvelo tutto senza accorgevi di nulla, con il tiramisù non si scherza!! Le tradizioni più belle nascono per caso, in una quasi famiglia, durante una quasi domenica d’estate, nel sud della mia Puglia bellissima!

- scritto da Edda Gagliardi

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Condividi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Oppure commenta con il tuo account Facebook